Lettera a studenti e famiglie

Raccomandazioni in materia di trattamento dei dati personali nelle modalità e-learning per la didattica

 

Care ragazze e cari ragazzi, cari genitori,

la presente comunicazione vuole rappresentare un supporto operativo per l’attività di didattica a distanza, relativamente ad un corretto trattamento dei dati personali, alla luce della normativa vigente, delle istruzioni fornite dal Ministero dell’Istruzione, dall’Intendenza scolastica, dei Provvedimenti del Garante Privacy e delle Linee di indirizzo, elaborate dal nostro Istituto.

La didattica a distanza rappresenta ormai una realtà operativa necessaria per gli istituti scolastici, al fine di garantire agli studenti la continuazione degli studi e dell’apprendimento. Per trarre il massimo vantaggio da questa opportunità occorre però dare la giusta attenzione ad aspetti importanti quali la sicurezza dei dati personali e delle informazioni e l’uso di strumenti idonei, per non mettere a rischio né i dati degli studenti né degli stessi docenti.

La maggiore criticità è rappresentata dall’utilizzo dei dispositivi personali. La possibilità che i computer abbiano malware già attivi è uno scenario pericoloso e con una probabilità molto alta.

Ecco alcuni suggerimenti pratici:

– installare un buon sistema di antivirus e mantenerlo aggiornato

– mantenere riservate le credenziali di autenticazione a sistemi e software (nome utente e password), che sono assolutamente riservate e personali.

Attenzione ai malware! Ci sono purtroppo nuove minacce informatiche, che sfruttano strumentalmente la tematica del coronavirus. In particolare, la polizia postale segnala due malware diffusi via e-mail attraverso comunicazioni spam. Si tratta di allegati in apparenza .pdf e allegati.doc recanti titoli simili a “CoronavirusSafetyMeasures”, allegati ad e-mail spam. Tali file avviano il download di contenuti spazzatura.

Si suggerisce dunque di porre estrema cautela anche nella gestione ordinaria della propria posta elettronica, evitando di aprire tali allegati qualora l’e-mail risulti sospetta. In linea di principio, indizi di comunicazione malevola possono aversi in e-mail che presentano moltissimi utenti in CC, mandati mediante sistemi automatizzati; frequentemente nel testo inoltre troviamo lettere e caratteri non comuni all’alfabeto italiano ed errori di ortografia e grammatica che segnalano che il testo è stato tradotto automaticamente per raggiungere più utenti possibili.

Si forniscono inoltre alcune indicazioni fondamentali, di cui si chiede pieno rispetto. L’utente ha in particolare l’obbligo:

  • di conservare la password personale e di non consentirne l’uso ad altre persone;
  • di usare l’account eventualmente creato dalla scuola, esclusivamente per le attività didattiche. Tale account non può essere usato per scopi personali ossia per ricevere/inviare/condividere materiali (file, video, ecc.) provenienti dall’esterno, coperti da diritto d’autore o contenenti materiale illecito;
  • di comunicare ai propri docenti immediatamente, attraverso e-mail, l’impossibilità di accedere al proprio account o il sospetto che altri possano accedervi;
  • non consentire ad utenti esterni alla scuola l’utilizzo della piattaforma utilizzata dalla scuola;
  • di non diffondere eventuali informazioni riservate di cui sia venuto a conoscenza, relative all’attività delle altre persone che utilizzano il servizio;
  • non condividere il materiale didattico ricevuto dal docente con persone esterne alla scuola o caricare tale materiale su piattaforme di condivisione;

Videolezioni, un’opportunità da non sprecare!

L’attività didattica mediante videolezioni è una modalità nuova, che richiede la tua massima collaborazione. Segui queste regole per consentire sia a te che a i tuoi compagni di classe di poter seguire le lezioni:

  • partecipa alle lezioni con educazione rispettando le indicazioni del docente sull’utilizzo del microfono e della funzione video;
  • non inoltrare a terzi il link di accesso per le videolezioni, consentendo a terzi di accedere, disturbando il regolare svolgimento delle lezioni;
  • non registrare le lezioni in videoconferenza, salvo autorizzazione e indicazione espressa del docente per specifiche esigenze;
  • non divulgare, mediante trasmissione a terzi o caricamento su piattaforme di condivisione (Youtube, Facebook ecc.), le registrazioni delle lezioni, anche se effettuate dal docente e trasmesse agli studenti che non hanno avuto la possibilità di seguire in diretta la lezione;
  • ricorda che se la registrazione e la divulgazione delle lezioni dovessero essere effettuate, senza il consenso esplicito del docente, il docente è protetto dal proprio diritto all’immagine, come previsto, in via generale, dalla normativa sulla privacy: l’autore della violazione potrebbe incorrere in gravi sanzioni sia da parte della scuola che da parte delle autorità competenti per violazione della legge privacy;

Qualora nonostante l’adozione degli opportuni accorgimenti e di costante attenzione al trattamento di dati personali dovesse avvenire una violazione della sicurezza dei dati, è necessario contattare immediatamente il dirigente scolastico che si metterà in contatto con il DPO, per la valutazione degli adempimenti normativamente previsti.

Si sottolinea in conclusione che anche in questa fase di sospensione delle attività didattiche in presenza, resta in vigore quanto previsto dal nostro regolamento di istituto, per quanto compatibile. In caso di segnalazioni circostanziate, si provvederà pertanto all’irrogazione di sanzioni disciplinari

 

Vi ringrazio della collaborazione.

 

Il Dirigente Scolastico